Porno Marketing

Ricette afrodisiache: 5 libri per lettrici ingorde

Perché si scrive di ricette afrodisiache solo in concomitanza con San Valentino?
Durante gli altri giorni dell’anno non si possono apparecchiare convivi amorosi?

Sembrerà poi particolarmente inusuale un post sui ricettari afrodisiaci proprio all’inizio delle vacanze estive, periodo che meno di tutti invoglia a stare tra forno e fornelli. Vero, ma è altrettanto vero che la cucina afrodisiaca predilige voluttuose ostriche accompagnate da freschi champagne a lasagne ed arrosti.
Quindi si può dire che siamo proprio nella stagione giusta per usare il cibo come strumento di seduzione.

Senza contare, poi, che il momento è ideale per servire l’erotico pasto in riva al mare, sotto l’ombra di un salice immerso nel silenzio della natura, su un terrazzo illuminato da candele o nel giardino condominiale, tanto oramai sono partiti tutti.

Prima di iniziare a presentarvi i libri vorrei fare un paio di precisazioni.

Innanzitutto che il cibo afrodisiaco non esiste, esistono piatti che predispongono all’eros attraverso stimoli sensoriali; afrodisiaca è la fantasia.

Inoltre ci tenevo a specificare che i libri qui proposti non sono una raccolta di sterili ricette da preparare pedissequamente ma racconti, poetici o ironici, sul legame stretto e indissolubile che unisce il cibo all’ars amatoria.

“Ricette immorali” di Manuel Vázquez Montalbán

“ Mangiar bene, e bere ancor meglio, rilassa gli sfinteri dell’anima, sconvolge i punti cardinali della cultura repressiva e prepara alla comparsa di una comunicabilità che non va sprecata.”

Il famoso giallista catalano che ha ispirato anche il personaggio di Camilleri, ha messo insieme 62 ricette in un trattato enogastronomico ironico e sagace.
I piatti proposti, unti e grassi, sfamano ogni tipo di appetito ma la scrittura di Montalbán seduce quando racconta la relazione tra l’atto di cibarsi e cucinare con il corteggiamento e l’atto sessuale.

“Afrodita. Racconti, ricette e altri afrodisiaci” di Isabel Allende

“Cos’è un afrodisiaco? Possiamo definire così qualsiasi sostanza o attività che pungola il desiderio amoroso. Alcuni funzionano in base a principi scientifici, ma la maggior parte agisce grazie all’impulso dell’immaginazione.”

Afrodita da vent’anni mi tiene compagnia.
Mi piace di tanto in tanto riaprirlo per leggere qualche estratto.
Non c’è libro che esprima meglio il concetto di erotismo.
L’Allende ci insegna con estremo lirismo, che l’erotismo è composto da emozione, desiderio, lussuria, curiosità ed appetito.

Come il cibo, l’erotismo deve essere speziato dalle lacrime, dalle scenate di gelosia, dalle risate, dalle lunghe chiacchierate ed innaffiato con un buon vino.
Afrodisiaco è cucinare nudi, inalare l’intrigante miscela dei vapori odorosi, ascoltare lo sfrigolio del soffritto, giocare con cibi dalle forme e consistenze evocative.

La cucina impudica. Ricette segrete di una donna di mondo rivelate a chi intende diventarlo.

la cucina impudica

“Lo chic è fatto di niente, ripete in continuazione Lucie, è più il modo di togliersi il vestito che di portarlo”.

Consiglio questo piccolo libricino a chi come me subisce il fascino degli aristocratici salotti parigini alla vigilia degli anni Trenta.
In questo contesto una prostituta d’alto bordo, rimasta purtroppo anonima, ha lasciato su un quadernetto le sue ricette maliziose corredate di aneddoti curiosi.

Il quadernetto è stato ritrovato successivamente in un mercatino viennese e poi pubblicato.

Sono ricette del Novecento Europeo, con ingredienti cotture e laccature tipiche di quel periodo storico, quindi poco riproducibili. Il libro però è interessante per i racconti, per il desiderio di libertà e godimento di una donna disinibita degli anni ‘30.

Tra le tantissime ricette impregnate di erotismo troviamo: la mousse di trota bianca alla neve rosa, l’orgoglio di Apollo (testicoli di montone) ai gamberetti, la trippa di Venere, i coniglietti dello studente.

“Afrodite in cucina” di Ugo Tognazzi

afrodite in cucina
“L’unico cibo afrodisiaco per me è la donna”

Tognazzi era proprio l’edonista che Marco Ferreri gli aveva ricamato addosso ne “La grande abbuffata”.

Amava abbandonarsi ai piaceri della carne e del cibo, e come nel film, amava cucinarlo per gli amici.
Tra i vari libri di cucina che ci ha lasciato c’è questa chicca che oramai si può sperare di trovare solo tra le bancarelle di qualche mercatino.

In un convivio di dotti e persone comuni si disquisisce sugli effetti afrodisiaci del cibo.
Al banchetto partecipano uno psicologo, un medico, un biologo, un sociologo, uno storico, un erborista, oltre che amici ed amanti. Lui stesso ci ricorda che il cibo per essere afrodisiaco deve essere evocativo.

Le 240 pagine di riflessioni e ricette sono il frutto anche della collaborazione con Antonio Piccinardi, allora direttore della rivista Gran Gourmet, e con Guido Crepax che ne ha curato le illustrazioni.

“50 sfumature di pollo. Una gustosa parodia sexy” di F.L. Fowler

50 sfumature di pollo

“Stavo immaginando le tue mani muoversi lungo le mie cosce e i tuoi denti mordicchiare il mio petto”

Una divertente parodia della celebre trilogia di E.L. James.

È la storia di uno chef famelico e perverso che prepara ricette sado ammiccanti per cucinare Miss gallina. Nella sua cucina, come un perfetto Master, non mancano fruste, coltelli, spaghi e batticarne. Vizia la sua gallina comprandole ingredienti con cui cucinarla meglio e le rivela che adora friggere perché richiede una preparazione ed un controllo assoluto.

Divertenti i dialoghi tra i due dove uno dice all’altro: “Ho intenzione di strofinarti con olio extra vergine d’oliva” o ancora “Non sono mai stata insaporita. E non ho mai neppure avuto una lavorazione preliminare”. Naturalmente anche i nomi delle ricette sono porno ironici: pollo sculacciato alla senape, cosce gocciolanti, gallinelle piccanti, ali infuocate, fantasie caramellate.

Il libro è diviso in tre parti:

La pollastrella inesperta (tecniche di base)
Il gioco si fa duro (Pollo in parti e bocconi)
La pollastrella ci prende gusto (tecniche avanzate)

 

Elenia Di Liberti

Cinema e TV Producer || Blogger

Add comment