Porno Marketing

Cunnilingus: mangiare il frutto proibito

Il cunnilingus è una pratica sessuale che consiste nella stimolazione dei genitali femminili con la bocca.

Una pratica peccaminosa

Nella storia Occidentale questo gioco erotico è sempre stato visto come riprovevole, ancor prima delle religioni Giudaico-Cristiane che lo consideravano peccaminoso.
Già nell’antica Roma il connilingus era pratica insolita e ritenuta più perversa del sesso anale.
In Oriente, dove la morale sessuale è storicamente differente da quella Occidentale, la visione era molto più tollerante.
Nel Kama Sutra ad esempio la stimolazione della yoni (vulva,vagina) viene assimilata al bacio della bocca e vengono consigliate le medesime tecniche di esecuzione.
Nelle culture Giapponese e Cinese il cunnilingus veniva definito bere alla fontana di giada e considerato un completamento indispensabile al piacere sessuale di coppia.

cunnilingus

Più prosaicamente qualche dato

I dati più recenti della National Survey of sexual health and beahavior ci dicono che in Italia solo il 55% dei maschi pratica il cunnilingus.
Negli Usa, per fare un confronto tra contesti culturali differenti, gli uomini cercano il cunniligus nel 35% in più dei casi.
Del resto scene con rapporti orali uomo-donna sono tra le meno ricercate su siti specializzati in video pornografici dagli utenti di sesso maschile, segnale di un ridotto interesse del maschio italiano verso questa pratica.
Uno studio pubblicato nel 2011 ha osservato come le giovani donne che hanno avuto esperienza di diversi rapporti orali nella propria vita, siano più assertive sessualmente (young women’s experiences and perceptions among adolescent women: a daily diary perspective).
Un altro studio, condotto su un campione di 6421 persone, riporta una maggiore frequenza di rapporti orali nelle coppie unite da un sentimento d’amore con una maggiore frequenza invece di rapporti solo penetrativi in relazioni di tipo occasionale.
(What’s love got to do with it? Sexual beahaviors of opposite-sex couples through emerging adulthood)

Fisiologia ed aspetti psicologici

Ciascuna donna è dotata di una vera rete orgasmica, un insieme cioè di strutture anatomiche, riccamente vascolarizzate ed innervate, che concorrono al raggiungimento del piacere: il clitoride, le piccole e le grandi labbra, il perineo, l’ano.
Il cunnilingus è l’unica pratica che permette la stimolazione di ciascuna di queste aree sensibili.

Da un punto di vista psicologico, il piacere è di entrambi i partners.
Chi riceve il cunnilingus percepisce il totale abbandono e la completa accettazione di se’, del proprio sapore e del proprio odore, che sono quanto di più intimo e personale possibile, non contaminati da profumi e cosmetici.
Chi pratica il cunnilingus, parimenti, può apprezzare l’odore genitale della compagna (che è ricchissimo di feromoni quindi intensifica desiderio ed eccitazione), il sapore, la consistenza delle secrezioni vaginali, per molti vera fonte di eccitazione.
Un’ottica ancora più ancestrale, ci fornisce un’ulteriore chiave di lettura: le secrezioni vaginali sono trasudato ovvero derivano direttamente dai vasi sanguigni. Avere rapporti orali significa quindi, a livello profondo, mangiare la compagna, introiettarla, farla completamente propria.

E se un uomo rifiuta il cunnilingus?
In chiave sessuologica il disgusto verso il cunnilingus è associato ad un’identità maschile fragile, dove dominano la paura di essere sottomessi o quella di essere inghiottiti dalla vagina.
Da un punto di vista meramente pratico, il cunnilingus richiede tempo e generosità nei confronti della partner.

Vademecum

Un approccio graduale al cunnilingus potrebbe essere agevolato da alcuni accorgimenti: un’opportuna depilazione, una puntuale igiene intima e l’eventuale utilizzo di lubrificanti commestibili piacevoli per superare alcuni elementi di disagio più frequentemente riferiti dai partner maschi (sapore ed odore percepiti come non gradevoli, fastidio per la presenza dei peli pubici).

Le posizioni più comodo prevedono: la partner ricevente supina con le gambe divaricate oppure seduta sul viso del/della partner che pratica il cunnilingus (questo consente la penetrazione con la lingua), il cosiddetto 69 che consente la stimolazione reciproca dei genitali con la bocca ma anche donna ricevente in piedi e partner in ginocchio (in questo caso risulta più difficoltosa la stimolazione del clitoride).

Pazienza, rispetto, capacità di sintonizzarsi su cio’ che piace alla compagna sono fondamentali: alcune donne preferiscono una stimolazione decisa, altre ancora solo sfioramente delicati.
Ci sono donne che godono della suzione, dei morsi, dell’uso della lingua,di ritmi e velocità differenti.
Per finire, anche il mercato dei sex toys ha un’area interamente dedicata alla simulazione del cunnilingus: da piccoli oggetti  dotati di “linguette” che stimolano la regione clitoridea, proprio come farebbe una lingua, a toys che esercitano un effetto di suzione più o meno intenso.

Quindi… buon appetito.

Marina Cortese

Medico Chirurgo, Ginecologa ed Ostetrica, Sessuologa

Add comment